medio-man(ager)

 

Liberamente ispirato dal favoloso lungometraggio di Maccio Capatonda, Italiano Medio, piuttosto che dal supereroe Medio-Men della mai dimenticata Gialappa’s Band dei tempi d’oro, mi trovo a voler introdurre questa categoria di cosiddetti “manager”. Con questo non si vuole fare una dissertazione sul Middle Management, che sappiamo più o meno tutti di che trattasi, bensì sulle caratteristiche personali ed umane che contraddistinguono questo simpatico archetipo di essere vivente.
1421948070_italiano-medio-307x307Utilizzando un termine preso a prestito dal Marketing, la Persona del medio-man(ager) si chiama Massimo. Ha 45 anni, con 2 figli di 10 e 12 anni, sposato con Daniela. Lui economista, lei filosofa. Una volta si amavamo ma dopo 15 anni di matrimonio sono entrambi adulteri. Massimo è quadro aspirante dirigente in una multinazionale della moda, dove ricopre incarichi nel marketing, del tipo EMEA Solution Program Manager, insomma quelle cose che non si capiscono e che non capisce nemmeno lui. Ma un giorno riuscirà a diventare dirigente, l’ha promesso a Daniela, sua moglie. E anche ad Alberta, sua amante, per la quale ha perso la testa ed è arrivato ad indebitarsi con le finanziarie per regalarle gioielli. Il suo capo, Marco, lo fa impazzire costantemente. Negli anni gli ha promesso più volte la dirigenza, ma ogni volta per un motivo o per l’altro (soprattutto per l’altro) la promozione non è mai arrivata. Insomma quella mail con la promozione ancora una volta si era persa tra i pacchetti del web!
Il medio-man(ager) ha una vita sportiva piuttosto disarticolata. Vorrebbe ma non può. Non può Italiano-Medio-Luigi-Lucianoalzarsi alle 6 per andare a correre, deve dormire. Non può andare la sera, deve andare a fare l’ape. Quindi va solitamente in palestra nel periodo marzo-maggio quando inizia a prospettarsi la prova-spiaggia; oppure gioca a calcetto con gli amici il mercoledì sera dove solitamente si fa male.
Va al cinema molto poco perchè lui “scarica” con emule, il che lo rende particolarmente orgoglioso. Ha conoscenze basiche di internet&similia, però smanetta quanto basta per combinare casini a sufficienza a lui e ai suoi colleghi in ufficio e suoi amici ai quali cerca sempre di craccare la mail.
Solitamente in Italia è abbastanza innocuo, si sente facente parte della massa dei medio-man(ager), il suo livello energetico è basso o medio-basso, non si segnala per particolari comportamenti arroganti o prepotenti, a parte fare il lumacone con le colleghe minigonnate in ufficio e poco altro. Ma quando gli viene assegnata una missione all’estero, ad esempio che ne so, a Londra, allora si scatena tutta la Renato-Brunetta-con-la-sciarpa1repressione che c’è in lui, con impatti direttamente proporzionali sulla sua prepotenza.

Mi sono imbattuto personalmente in un esemplare di questo tipo nel mio ultimo viaggio con la fantastica low-cost Raynair. Partito da Bergamo (a proposito, ma perchè gli autisti dei pulman che portano ai vettori sono così antipatici  e scortesi  e soprattutto perchè quando arriva l’aereo da Londra arrivano sempre con 10 minuti di ritardo?? Perché??) seduto in 1A, si siede un “simpatico” medio-man(ager) stagionato, peraltro. Chiaramente facilitato dai posti-scatoletta dell’aereo, inizia la solita battaglia per la conquista del poggia-gomito destro. Notai una sua certa arroganza nel conquistarsi eroicamente il posto, al quale io non cedetti, naturalmente. Ma il meglio doveva ancora arrivare. Dotato di simpatico ed efficiente iPad con tastiera incorporata, il medio-man(ager) aveva un impellente bisogno di rileggere le sue inutili mail del cazzo e fare tanti simpatici “swype” con il ditino della manina destra. Tutto bene, no problem, peccato che lo continuava a fare in piena fase di decollo con il 3G attivato. Allora su questa cosa vorrei capire: carissime compagnie aeree, ma sta cosa che bisogna spegnere i dispositivi mobili durante il decollo è vera è una cazzata? No perchè almeno ci togliamo il problema! Basta saperlo!(AW) Ryanair was the highest scoring of the large carriers in the TPA rankings, and seventh overall. Airline rankings reveal conflicting trends in early stages of rebound The overall outlook appears to be brightening for the airline industry, raising hopes that a new upward cycle is beginning. But look below the surface, and a much more complex—and in some cases troubling—picture emerges.

Comunque, secondo il ragazzino-nerd-stewart “ solo i laptop” devono essere spenti. Si perchè invece i telefoni e i tablet vanno a petrolio.. Insomma, segnalai la cosa agli stewart che se ne stavano bellamente seduti in fronte a noi senza proferire parola (!) sentendomi appunto rispondere quanto sopra. Infastidito dalla mia “segnalazione” il medio-man(ager) ha avuto chiaramente il coraggio di fare il prepotente nei miei confronti, abilitando con un abile mossa la modalità aereo e facendo un po’ di sceneggiata napoletana sulla quale sorvolo, fino ad azzittirsi quando con molta calma gli ho dato appuntamento alla consegna bagagli per continuare il discorso.

medio-man(ager) come faremmo senza di te ad allietarci le giornate! Grazie di esistere!

About Paolo

Paolo
Sono milanese d'adozione, infatti alcune caratteristiche mi differenziano dai Milanesi DOC: ad esempio odio la nebbia e amo il vento. Però si, Milano mi ha sempre affascinato fin da quanto mio papà da piccolo mi portava alla Fiera Campionaria. Quel giorno era una gran festa, ed in particolare ricordo ancora il sapore dei tramezzini dell'autogrill di Dorno, quello grande, il più grande. Amo la musica, il cinema, leggere e molte altre cose ancora, ad esempio suonare la batteria.

2 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.