L'”Omino dell’IT”

Chi di noi non ha mai avuto a che fare con L'”Omino dell’IT” alzi la mano. “Omino” non inteso in senso riduttivo-beffardo, è proprio così che di solito viene chiamato in ufficio.

Quante volte magari in un lunedi milanese di pioggia poco prima di una fantastica riunione mattiniera con il capo alle nove del mattino, il pc ci ha tradito proprio sul più bello. Arrivo, un attimo che accendo il pc. Si, peccato che il pc non ha propria nessuna voglia di accendersi. O magari “si accende” ma lo schermo rimane blu. Insomma non funziona. Allora che fai? Scendi di corsa, dai “Ragazzi dell’IT”

attracting-a-nerdy-guy

Trafelato, sudato e incazzato arrivi davanti al suo bancone. L'”Omino dell’IT” ti aspetta con il suo ghigno imperscrutabile, freddo e fintamente intontito, ma in realtà sta ridendo perchè sa che in quel momento hai assolutamente bisognissimo di lui. Se ha passato una bella serata evita di rompere con varie richieste formali di aperture di ticket etc e passa al sodo, ti chiede qual è problema e tui glielo spieghi. Se poi è di vena buona, inizia a smanettare, ad inserire e togliere chiavette usb fino a che il pc riparte, magicamente.

Insomma, per oggi sei salvo, ora sei pronto per affrontare il capo che nel frattempo ti aspetta con la bava alla bocca.

Se è andata così, allora siete bravi. Se vi siete fatti, con il tempo, amici l'”Omino dell’IT” non avete sprecato il vostro tempo.

geek-2I “Ragazzi dell’IT” sono potentissimi in azienda. Possono sapere tutto  di voi. Se vi va bene perlomeno leggono solo le vostre mail, se vi va male o siete particolarmente antipatici, complimenti, avete fatto una bella cazzata.

Nei casi più estremi potreste addirittura avere un bel trojian creato ad hoc apposta per voi che vi controlla persino quanti peli eccetera (per questo però dovete proprio farli arrabbiare di brutto brutto, quindi evitate).

Sono amici dei potenti dell’azienda, i quali a loro volta li usano per spiarsi tra di loro. Con voi invece difficilmente perdono tempo a curiosare, anche perchè di cose da fare ne hanno. Comunque sappiate che senza bisogno di particolari espedienti  hanno accesso illimitato  al vostro hard disk quindi evitate di conservare foto delle vostre amanti o di vostri selfie compromettenti. Insomma, il pc è mica vostro, cazzo!

Va bene, abbiamo fatto un po di sana ironia, in ufficio ogni tanto ci vuole per sdrammatizzare. Però la faccenda può anche assumere dei risvolti molto seri. Pensate, ad esempio, che in USA Il Federal Bureau Investigation, l’FBI, considera un “rischio per la sicurezza nazionale” i lavoratori dell’IT licenziati “malamente”. Secondo l’FBI infatti essi possono arrivare ad essere un pericolo per l’economia stessa, in quanto essi hanno accesso ad informazioni relative sensibili dell’azienda e possono venderle e farne un uso improprio; in un periodo come questo dove le informazioni sono diventate il principale bene di scambio, la cosa è davvero seria. Nella quotidiana guerra cibernetica a caccia di informazioni, invisibile, che ogni giorno si combatte senza che noi ci accorgiamo di nulla, questo tipo di informazioni possono fare molta gola alle agenzie investigative private o nazionali. Insomma, è una faccenda seria e se non ci credete andate a leggete qui.

A noi però ci interessa sempre e solo il nostro caro vecchio ufficio. Fatevi amici “I Ragazzi dell’IT”, rispettateli, offritegli tutti i caffè che potete, non abbiate il braccino corto. In loro troverete troverete un prezioso alleato contro i lunedì mattina sfigati oppure dei rigidi burocrati che difficilmente vi salveranno le chiappe tempo zero in caso di difficoltà. A voi la scelta.

About Paolo

Paolo
Sono milanese d'adozione, infatti alcune caratteristiche mi differenziano dai Milanesi DOC: ad esempio odio la nebbia e amo il vento. Però si, Milano mi ha sempre affascinato fin da quanto mio papà da piccolo mi portava alla Fiera Campionaria. Quel giorno era una gran festa, ed in particolare ricordo ancora il sapore dei tramezzini dell'autogrill di Dorno, quello grande, il più grande. Amo la musica, il cinema, leggere e molte altre cose ancora, ad esempio suonare la batteria.

2 comments

  1. Verissimo quanto dici Paolo sul mitico omino dell’IT.
    L’omino dell’IT è potente e quindi bisogna sempre coccolarselo. Io gli ho sempre portato il regalino a Natale :-).
    Aggiungo una cosa Paolo che forse hai dimenticato: l’omino dell’IT quando tu arrivi con la tua richiesta, se tu gli potessi leggere la “nuovoletta” di quello che sta pensando, nel 90% dei casi tu leggeresti una frase del tipo:”questo è proprio un incapace, ma come fanno ad assumerli …” o anche peggio :-).
    Ciao
    Angelo

  2. Paolo

    Ciao Angelo,
    si hai sicuramente ragione, ai loro occhi siamo dei perfetti imbecilli!
    Ottima strategia il regalino a Natale, consigliatissimo 😉
    Ciao,
    Paolo

Leave a Reply

Your email address will not be published.