Le riunioni

riunione

Argomento assai scabroso, sono uno dei momenti più odiati da parte di tutti perché “fanno perdere un sacco di tempo”. Non sarebbe giusto non riconoscere che alcune riunioni possono essere utili e costruttive. E’ necessario però che vengano gestite bene, con un obiettivo ben preciso, no ritardi di arrivo, no perdite di tempo, no sforamenti di durata e alla fine conclusioni sul “chi fa che cosa” concrete e precise.

Questo è proprio quello che (ahimè soprattutto in Italia) non succede quasi mai.

E quindi parliamo di tutte quelle riunioni che si possono benissimo evitare ma che è assolutamente vietato evitare.

Nel link seguente si segnalano alcune tattiche, tra il serio e il faceto, che possono dare degli ottimi suggerimenti. A parte gli scherzi, la vecchia regola di fingere un interesse esagerato all’inizio, facendo domande e commenti “molto intelligenti” è sempre un’ottima mossa. Penseranno che siete delle persone costruttive e interessate alla causa comune e se poi dovrete assentarvi non sarà sicuramente per colpa vostra ….

PS: naturalmente chi lo pensa è il capo, mentre i colleghi vi detesteranno. Ma dovete decidere qual è il vostro obiettivo!

http://www.resistenzaumana.it/blog/come-svignarsela-da-una-riunione/

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

2 comments

  1. Una cosa che non sopporto in una riunione è quando durante la riunione uno si fa gli affari suoi scrivendo e/o leggendo su PC e Cellulari. Io farei le riunioni con i dispositivi capovolti ad eccezione di motivazioni straordinarie che la persona deve dire all’inizio della riunione e che gli altri devono approvare.
    Ognuno ha cose da fare oltre alla riunione e allora perchè uno deve avere un vantaggio competitivo nella vita rispetto a tutti gli altri presenti alla riunione? Questa è una cosa che mi fa veramente incazzare!

  2. Carla

    Infatti. Però secondo me alcune riunioni si devono fare e quindi la gente fa il piacere di partecipare con la testa. Probabilmente ci sono anche molte riunioni fuffa. E poi scatta un altro problema di noi italiani (tra gli anglosassoni in genere non accade): noi non prepariamo bene la riunione, non definiamo l’odg, arriviamo in ritardo, sforiamo sempre e, una volta fatta, sembra che il nostro dovere finisce lì. Spesso non si definisce l’action plan e chi fa che cosa. Quindi finita la riunione “liberi tutti!” e spesso non è servita a niente!
    Anche per questo la gente poi le prende sottogamba.

Leave a Reply

Your email address will not be published.