Il modello dell’OK Korral

images

Il modello cosiddetto dell'”OK KORRAL” esamina l’influenza degli atteggiamenti mentali di fondo e di come questi influenzino i nostri comportamenti.

Nell’influenzare cosa debba o possa essere fatto sul lavoro, sia a livello individuale che come organizzazione nel suo complesso, sono rilevanti gli atteggiamenti mentali di fondo. Da questi atteggiamenti derivano importanti decisioni riguardo all’organizzazione stessa, alle persone che vi lavorano, ai clienti, ai concorrenti, ai fornitori, al mercato, al contesto sociale. Questi atteggiamenti vengono evidenziati attraverso quattro combinazioni base che rappresentano una semplificazione metodologicamente utile per rappresentare realtà ben più articolate e complesse.

In sintesi possono essere definite come disponibilità di base a vedere o non vedere alcuni aspetti della realtà come ad esempio: cogliere gli aspetti positivi di un collaboratore piuttosto che i suoi limiti, valutare correttamente pro e contro di una certa situazione o esasperarne le negatività, sopravvalutare o sottovalutare le risorse personali o dei concorrenti. Alcuni di questi atteggiamenti in particolare funzionano come dei filtri attraverso i quali si osserva una realtà preselezionata, dalla quale vengono escluse o deformate alcune informazioni, alterando di conseguenza il giudizio e le azioni conseguenti. La realtà può essere, più o meno pesantemente, deformata per adattarla alla idee precostituite, questo avviene attraverso un processo solitamente non consapevole che quindi esce dalle possibilità di verifica da parte dell’organizzazione, o del singolo, coinvolti in questo processo.

L’illusione è quella di avere a che fare con dei dati “oggettivi” quando invece si ha a che fare con delle opinioni.Con il termine atteggiamento di fondo si indica l’opinione che si ha nei confronti di sé stessi e del resto del mondo e che filtra il nostro modo di rapportarsi a noi stessi e alle altre persone.. E’ una “posizione” mentale dalla quale guardiamo il mondo e le persone, compresi noi stessi. In base alla posizione assunta si avranno delle aspettative positive o negative su di noi o sul resto del mondo che influenzeranno la valutazione delle persone, degli avvenimenti e le scelte comportamentali conseguenti. La posizione esistenziale si esprime attraverso un giudizio a priori (pre-giudizio) sulle persone in quanto tali più che sul loro operato.

Le valutazioni vengono espresse e sintetizzate attraverso il concetto di “okness”.

Se ritengo di essere OK come persona, vorrà dire che ritengo di avere un valore in quanto essere umano, consapevole di avere pregi e difetti, di fare a volte cose sbagliate, ma sostanzialmente in pace con me stesso. La stessa cosa vale per gli altri; posso giudicare anche molto negativamente l’operato di una persona e nello stesso tempo riconoscergli un valore in quanto persona, non svalutarla. In altre parole potrei sentirmi in pace con me stesso e con il resto del mondo e quindi aperto ad una analisi di realtà corretta, che si basa sui fatti e sui dati a disposizione o, al contrario, prevenuto e quindi portato ad una valutazione pregiudizialmente negativa riguardante a me stesso, agli altri o entrambi.

Ci sono 4 posizioni fondamentali. Ciascuno può passare tra le diverse posizioni in momenti diversi ma ne avrà una nella quale tenderà a passare la maggior parte del tempo, o una particolare nella quale tenderà a porsi in particolari situazioni, ad esempio quando è sotto stress.

Divenire consapevoli delle posizioni assunte nelle diverse situazioni permette di recuperare una maggior autonomia decisionale.

About Paolo

Paolo
Sono milanese d'adozione, infatti alcune caratteristiche mi differenziano dai Milanesi DOC: ad esempio odio la nebbia e amo il vento. Però si, Milano mi ha sempre affascinato fin da quanto mio papà da piccolo mi portava alla Fiera Campionaria. Quel giorno era una gran festa, ed in particolare ricordo ancora il sapore dei tramezzini dell'autogrill di Dorno, quello grande, il più grande. Amo la musica, il cinema, leggere e molte altre cose ancora, ad esempio suonare la batteria.

Leave a Reply

Your email address will not be published.