Il mercato del cibo in scadenza come possibile business

disturbi_alimentari-300x225Esiste un mercato delle eccedenze di cibo della Grande Distribuzione Organizzata, Ristorazione Collettiva, Aziende Produttrici che attualmente sono veicolate da associazioni volontaristiche e senza scopo di lucro per la distribuzione alle mense dei poveri piuttosto che ad altre associazioni a carattere umanitario.

Ma sappiamo che anche i privati e le famiglie in difficoltà sono in continua crescita (a Milano le richieste di sostegno al reddito sono più che triplicate nell’ultimo anno) e d’altra parte, assistendo ogni giorno all’ enorme contraddizione tra spreco e povertà, vediamo l’ impressionante fenomeno di spreco del cibo dovuto, nel mondo industrializzato, fondamentalmente a due fattori: forti inefficienze nel passaggio tra rivenditore e consumatore ed errati comportamenti domestici conseguenti ad una cattiva educazione alimentare.spreco-di-cibo

Concentrandoci in particolare sul fenomeno dei prodotti alimentari vicini alla data di scadenza, sappiamo che spesso i ristoratori e tipologie simili di esercenti nelle loro economie relative al processo di approvvigionamento già ora si avvalgono dell’acquisto di merce vicino alla scadenza,  che ottengono a prezzo fortemente scontato, quando sanno di poterla utilizzare nel breve termine per la loro attività. Questo fenomeno è particolarmente evidente al verificarsi di picchi della domanda, quali ad esempio fiere e feste di quartiere, durante le quali i ristoratori hanno una spiccata esigenza di reperimento di materie prime per la realizzazione dei loro prodotti che andranno totalmente esauriti.

cibo_sprecato7La frammentariatà di questo fenomeno rende il mercato di consumo del cibo vicino alla data di scadenza interessante in quanto pensiamo che possa esistere lo spazio per un operatore che acquisti in maniera sistematica, capillare e puntuale la merce in scadenza dai vari soggetti elencati prima, per poi destinarla a prezzi molto competitivi alle famiglie in difficoltà, attraverso la messa a punto di una catena logistica molto snella, di punti vendita sul territorio e di un sistema di gestione/comunicazione online, che consenta di raggiungere in tempo reale il consumatore finale con l’informazione della disponibilità della nuova merce.

Attraverso l’attuazione di economie di scala nella raccolta di tale merce e la vendita sia su punti vendita sia tramite un marketplace online e tecnologie mobile (cellulari, smart phone, geolocalizzazione), le famiglie potranno contare non solo su prezzi molto ridotti ma anche su una informazione immediata dei nuovi arrivi e recarsi quindi al punto vendita più vicino o fare la spesa online. In quest’ultimo caso i prezzi competitivi dei prodotti alimentari assorbiranno anche le basse spese di trasporto, rese tali da un’ottimizzazione del tracking delle consegne door-to-door mediante un apposito software di ottimizzazione delle tratte.RACCOLTA-ALIMENTI

 

About Paolo

Paolo
Sono milanese d'adozione, infatti alcune caratteristiche mi differenziano dai Milanesi DOC: ad esempio odio la nebbia e amo il vento. Però si, Milano mi ha sempre affascinato fin da quanto mio papà da piccolo mi portava alla Fiera Campionaria. Quel giorno era una gran festa, ed in particolare ricordo ancora il sapore dei tramezzini dell'autogrill di Dorno, quello grande, il più grande. Amo la musica, il cinema, leggere e molte altre cose ancora, ad esempio suonare la batteria.