Forza maggiore, di Ruben Östlund

Schermata 2015-05-09 alle 08.25.39Un film svedese, piuttosto strano e gelido. Un famigliola “felice” e benestante (genitori e due bambini) va a trascorrere 5 giorni in un residence modernissimo sulle Alpi francesi. E qui succederà qualcosa (di per sé poco rilevante) che destabilizzerà i rapporti dei componenti della famiglia. I genitori (Tomas ed Ebbe) si scopriranno diversi da come erano sempre stati e anche i bambini subiranno il disagio delle nuove dinamiche familiari.

Anche l’ambiente circostante contribuisce molto sapientemente a riflettere il disagio della coppia. Nella bufera dei campi da sci dove i malcapitati a volte si avventurano (non li invidiavo per niente!) spesso c’è un tale foschia, decisamente realistica in montagna, che ci restituisce delle scene completamente bianche, in cui le persone rischiano di smarrirsi. Senza riferimenti. Alla famiglia ad un certo punto si aggiunge un’altra coppia di amici che secondo me non dà alcun valore.
Ho apprezzato la capacità dei due partner di parlare in modo sincero delle loro emozioni e di mettersi a nudo. Mi sembra questo un atteggiamento molto più tipico del nord Europa, I. Bergman docet, che delle nostre parti. Sincerità anche dolorosa che mette a nudo le debolezze della coppia ma che può contribuire a tenerla unita. Tomas si lascia andare ad uno sfogo che dalle nostre parti potrebbe essere considerato molto poco “virile”. Ma si può anche considerare il sintomo di un’evoluzione della figura maschile certamente in atto anche da noi, se pur con qualche decennio di ritardo.
Bella la scena finale della gente che cammina per la strada di montagna dai tornanti terrificanti, un po’ allo sbando.  Complessivamente un buon film, certo lento e angosciante.
[cjtoolbox name=’Campari’ ] [/cjtoolbox]

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.