Castello Sforzesco e Museo: ne vale la pena

IMG_6801Riporto qualche nota della visita fatta al Castello Sforzesco e al relativo Museo, molto interessante e naturalmente sede del capolavoro di Michelangelo, la Pietà Rondanini. 

Innanzitutto ho scoperto che il “nostro” Castello, così rappresentativo della città di Milano, alla fine dell’800 era in serio pericolo, in quanto il 90% dei milanesi voleva demolirlo perché a quel tempo per la popolazione rappresentava solo la caserma. È stato Luca Beltrami, architetto illuminato, che ribattezzandolo Castello Sforzesco lo rivalutò agli occhi dei Milanesi e ne curò poi l’indimenticabile restauro.  Una curiosità: i “buchi” quadrati che lo costellano si chiamano buche pontaie e servivano per aggrappare i ponteggi in legno durante la costruzione.

Costruito da Galeazzo Visconti contro il fratello Bernabò (marito di Regina della Scala che ha dato il nome al Teatro),  quando i Visconti cadono i Milanesi lo saccheggiano e lo distruggono in gran parte perché odiavano i Visconti, senonché l’unica figlia della famiglia Visconti,  Bianca Maria,  sposa uno Sforza che decide di ricostruire il Castello. Ed ecco che da Visconteo diventa Sforzesco.
Schermata 2014-08-24 alle 15.27.05In uno dei cortili interni c’è la statua di San Giovanni nepomuceno (protettore dei ponti) che i Milanesi chiamavano San Giuan nè pu né men.IMG_6805
Nella Piazza Ducale troviamo la scala cavallara, dalla quale entravano i cavalli.
Museo del Castello

Il Museo, per la verità piuttosto ignorato da noi Milanesi, è sede di una delle raccolte di sculture e oggetti d’arte tardo-antica, medievale e rinascimentale tra le più importanti del nord Italia che racchiudono tutta la storia di Milano e, naturalmente, è sede della Pietà Rondanini che da sola vale la visita.

All’interno le opere sono esposte in ordine cronologico e all’ingresso siamo accolti dalla maestosa Pusteria Urbica, un arco medievale prelevato direttamente dalla cinta delle Mura di Milano, in via Cesare Correnti.
Tralasciando di descrivere tutte le opere esposte, tra cui il Monumento sepolcrale di Bernabò Visconti con la sua grande statua equestre, segnalo una curiosità. Si tratta dei due bassorilievi del Babarossa e di sua moglie: l’Imperatore era così poco amato che la sua signora viene raffigurata come una prostituta nell’atto di radersi il pube, come era usanza per le professioniste di allora.  IMG_6834IMG_6833

Proseguendo attraverso le sale si arriva alla Statua di Adamo con il capo rivolto a destra, che sembra guardare fuori dalla finestra per ammirare (si dice)  il bellissimo loggiato del Bramante (vedi foto sotto).

Molto bella la Sala dei Ducali, in cui sono raffigurati tutti gli stemmi Ducali, rigorosamente con il biscione perché si credeva che nelle fauci ci fosse un Saracino. Cioè Cristianesimo che ‘ingolla’ il Saraceno.IMG_6843Sala dopo sala, si arriva così alla Pietà Rondanini, isolata e alla fine di uno scalone in discesa. La Pietà è separata da tutto perché  non c’entra niente con Milano. In realtà un tempo questa opera era sottostimata, ma poi se ne comprese il grandissimo valore artistico. Nel 1952 il Comune di Milano decise che per rinfrancare lo spirito della città questa dovesse ospitare un’opera di Michelangelo, quasi per un riscatto post bellico, e fu così che il Comune acquistò l’opera dalla famiglia Rondanini.IMG_6855IMG_6857
Michelangelo scolpì la Pietà dopo gli 80 anni ed è la sua ultima opera, vi lavorò fino a pochi giorni prima di morire. La composizione colpisce per il suo assetto verticale e per questo è altamente innovativa e dimostra le capacità inventive dell’artista pur ottantenne. E’ fortissimo il legame corporeo ed emotivo che lega le due figure. Il piano iniziale di Michelangelo era diverso, in realtà la Madonna avrebbe dovuto guardare in alto, con una posa meno naturale e più teatrale, come si usava allora. In realtà in corso d’opera l’artista cambiò idea e scolpì il viso della Madonna nella stessa posizione di quello del Figlio, per rappresentare appunto l’unione nel dolore. Se ci si sposta verso destra si intravede chiaramente l’altra faccia della Madonna, quella del progetto iniziale, il che dimostra che Michelangelo lavorava direttamente sul marmo, senza bozzetti.

Chiedo scusa per le eventuali inesattezze e per la descrizione estremamente riduttiva del contenuto artistico, ma come sempre il mio obiettivo è di raccontarvi un’esperienza che per me è stata significativa e potrebbe essere di stimolo. Se ci andate scoprite tutto quello che c’è!

IMG_6837IMG_6838

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.