Botswana in 15 gg tra animali, paesaggi, camping, albe e tramonti

IMG_1066Il Botswana è uno Stato che si trova a sud dell’Africa tra Namibia, Zambia, Zimbabwe e Sud Africa.
Non fa parte degli Stati Africani caratterizzati dall’estrema povertà, anche se naturalmente siamo in Africa. Il Botswana, comunque, in genere lo si visita per i suoi aspetti naturali, fondamentalmente gli animali, i paesaggi e il deserto del Kalahari, che però io non ho visitato.
Vi dico subito che io non soffro di ‘mal d’Africa’, come aveva una mia compagna di viaggio, ho semmai il mal d’Arabia o eventualmente il mal d’Asia. In Africa – a parte il Magreb – ero stata solo in Sud Africa, ma quello è un discorso a parte.
Il mio viaggio è stato veramente bello per la natura stupenda, per gli animali, per la continua dimensione del viaggio in jeep, scomoda e polverosa ma avventurosa, e per il gruppo dei miei compagni di viaggio che erano veramente formidabili e mi hanno fatto divertire un sacco.
Se siete viaggiatori sapete che la componente dei compagni di viaggio è fondamentale al fine della buona riuscita dell’esperienza. Se no meglio viaggiare da soli, certo. Ma vi assicuro che se il gruppo è buono, il fatto di fare un percorso di scoperta insieme a persone sconosciute che palpitano come voi alla ricerca delle stesse curiosità (natura, paesi, persone, animali, danze, cibo) e che si conoscono man mano sempre di più durante il viaggio, è molto appagante.DSCN2419
Io ho viaggiato come sempre con Avventure nel Mondo, che ha pregi e difetti, ma per me più pregi, dato che se ho viaggiato con un Tour Operator, ho sempre scelto loro. Quest’anno mi è andata alla grande.

Eravamo in tutto 16, 50-50 come gender, e andavamo in giro con due jeep guidate dalle guide: Chepy, Comic ed Helty.  Alla fine si stabilisce un bellissimo rapporto anche con loro perché stavamo insieme tutto il giorno e perché andare alla ricerca di un leone o un leopardo, guidando veloci perché nelle ore calde gli animali si nascondono, e poi arrivare ad una macchia nella savana o su di un ramo (che a noi non diceva niente) e sentirsi dire “look a lion! a leopard, wild dogs!” .. insomma è un’esperienza di “caccia” che unisce vi assicuro. Molto bella.

DSCN3303Bellissimo l’impatto con gli animali nella riserva del fiume Chobe, che abbiamo visitato in barca: elefanti, ippopotami, bufali, coccodrilli, aquile, cormorani, avvoltoi, marabù, cicogne, gru, giraffe, zebre. Di tutto. Il primo impatto è stupendo, anche perché scivolando sul fiume col battello potevamo avvicinarci molto agli animali che non erano per niente impauriti e si lasciavano riprendere e guardare con la massima tranquillità.

Naturalmente tutto il viaggio è stata un’orgia di riprese fotografiche. Nessuno era sprovvisto della sua camera, e le Nikon e le Canon si sprecavano. Anche questo è un motivo di coesione o meno del gruppo, vuol dire che anche la fotografia è un interesse in più che aggrega.

Le nostre jeep percorrevano le strade sterrate delle riserve Savuti, Moreni e altre. La polvere ci avvolgeva e infatti eravamo intabarrati con sciarpe, occhiali, cappelli. Molto divertente. Le strade oltre che polverose erano parecchio dissestate e i sobbalzi all’ordine del giorno, quasi da essere sbalzati fuori dalla jeep. Proprio la modalità di viaggio che piace a me. Se si è nella natura, avventura ha da essere.

Le notti le abbiamo trascorse metà in tenda e metà in lodge, non lussuosi ma carini, che ci sembravano il Grand Hotel. DSCN2841Ma le notti in tenda che esperienza! Era tantissimo che non facevo più campeggio: montare la tenda, buio alle 6 di sera, no servizi perché era campeggio libero, freddo notevole di notte (4/5 gradi, è inverno)! Non è come il campeggio in Toscana, vi assicuro. Bello cucinare al campo per 20 persone, in una cucina improvvisata, con scarsissima luce. Al supermercato di  Maun avevamo fatto una spesa memorabile (500 lt acqua, 12 kg pasta, 50 scatole pelati ecc.). Con la consapevolezza che di notte era vietatissimo uscire dalla tenda (quindi no pipì!) perché fuori c’erano leoni, iene, elefanti. Insomma, da provare. Bellissimo.

DSCN2931Oltre agli animali – ho visto due leoni accoppiarsi, un altro mangiare un ippopotamo, una mamma leopardo insegnare al leopardino a portare la preda sugli alberi – il Botswana offre scenari stupendi e indimenticabili.

Ho sorvolato con un cessna al tramonto il Delta dell’Okavango, grande quanto l’intera Lombardia. Uno degli spettacoli più belli del mondo, dicono e confermo.

E, dopo aver visto i suricati (animaletti simpaticissimi),   siamo arrivati alla zona dei pans, il più grande complesso di bacini salati del mondo.
Lì a Kubu Island abbiamo trascorso la nostra ultima notte in tenda, in un’atmosfera assolutamente unica, con baobab secolari che si ergono su un piccolo ammasso di rocce nel centro di una grande distesa salata.
Lì abbiamo visto il tramonto e il giorno dopo ci siamo alzati per vedere l’alba – ed eravamo in un’altra dimensione.DSCN3472
Ne vale la pena, credetemi.

Per chi di voi è su FB può guardare le immagini dell’Album

IMG_1256

 

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.