7 giorni a Berenice in Egitto, non solo pesci

DSCN1593Berenice è sul Mar Rosso, 150 km sotto Marsa Alam, quindi estremità Sud dell’Egitto, a 300 Km dal confine con il Sudan. Si arriva con volo charter a Marsa Alam e poi in circa due ore su una strada (l’unica) nel deserto si raggiunge il proprio villaggio.

Un posto bellissimo, molto selvaggio, completamente a contatto con la natura. Lì è deserto, le uniche costruzioni sono gli alloggiamenti dei Resort.
Io ero al Wadi Lahmi e, pur non essendo io “animale da villaggio”, mi sono trovata bene. E’ un posto ben tenuto, gli Egiziani del servizio ci sanno fare, non affollato, pulizia, giardini e piscine molto curate. Sulla spiaggia con le palme piegate dal vento c’è un pontile per le escursioni marine, sia snorkeling che subacquee.

Il cibo da quelle parti è fantastico con tanta verdura, spezie, riso cucinato in vario modo e, volendo, anche carne o pesce (questo non entusiasmante secondo me). Pane arabo, frutta e dolci arabi molto leggeri e belli da vedersi. In sostanza un ottimo complemento per una bella vacanza all’insegna della natura e del benessere fisico, mentale, spirituale.
A parte due ragazzi che cercavano di fare animazione (molto frustrati perché nessuno gli dava retta), ci si può rilassare veramente.

Il mare è il Mar Rosso, quindi fondali bellissimi con gli amici pesci del Mar Rosso che ormai quasi tutti conosciamo. Purtroppo è una zona molto ventosa (non so se in altre stagioni sia diverso) quindi a volte il mare è un po’ mosso.DSCN1733

Sulla spiaggia ho spesso fatto una passeggiata lungo la costa dove si incontrano donne Beduine con i loro bambini, che vendono sciarpe e collanine. Donne molto gentili che stanno per ore sotto un sole implacabile dentro piccolissime strutture di giunco, riparandosi dal caldo torrido con i loro tessuti colorati in cui si avvolgono quasi completamente.

Più o meno sanno parlare l’italiano e sono subito molto amichevoli. E’ bellissimo il rapporto che si stabilisce con loro dopo pochi secondi: sono lì così fragili, in una terra bellissima ma certo non ospitale. Ci hanno chiesto alcuni oggetti con quella semplicità che hanno sempre le persone bisognose, così l’ultimo giorno abbiamo portato un paio di scarpe da scoglio (per loro sono preziose), T-shirt vecchie, una bottiglia d’acqua e tante creme che noi buttiamo via perché avanzano.  Spesso si vedono dei fagotti che sembrano stracci sotto il loro piccolo accampamento, e invece sono i loro bambini che dormono, avvolti nei tessuti colorati. Una di loro ci ha detto di essere incinta di 6 mesi.
Come è cara questa gente che si incontra durante i viaggi.

DSCN1649Un giorno abbiamo fatto un’escursione bellissima. La mattina snorkeling a Sharm El Loli (la baia delle perle) con le sue spiagge bianchissime affacciate su una laguna turchese. E il pomeriggio alle mangrovie di El Qulaan, dove vive una tribù di Beduini pescatori. Il posto è incantevole, tante sule sulla spiaggia e, attraverso una breve traversata a piedi nel mare, si arriva alla mangrovia più vecchia della zona, recintata.
Sotto una tenda Beduina  Mahmoud Saady, che si fa chiamare Mimmo, e Mahmoud Azez – entrambi da Luxor, con diploma di Guida al Liceo – ci hanno offerto il caffè beduino, speziato.

Bella vita!  (per noi turisti).

 

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.