8 consigli e qualche considerazione su EXPO 2015.

DSCN1843Sono andata all’EXPO! Ieri è stato il mio primo giorno e ci ritornerò.
L’esposizione mi ha soddisfatto, incuriosito, emozionato e anche rilassato.

In fondo mi sono un po’ lasciata andare a visitare le cose che mi attraevano di più, consapevole che se mi fosse piaciuto l’insieme sarei sicuramente ritornata. Non ho quindi visitato dei Padiglioni in modo mirato (anche se qualche idea ovviamente ce l’avevo dalla comunicazione che è stata fatta) e quindi è positivo che in pratica tutto ciò che ho visto mi sia piaciuto.
E’ quindi poco importante che vi dica dove sono stata io perché, in fondo, quello che conta è che l’impegno di coloro che hanno costruito i Padiglioni e progettato l’EXPO nel suo insieme ha prodotto dei buoni (a volte ottimi) risultati. Secondo me.
Comunque, per la cronaca, io sono andata al Padiglione Zero, Angola, Cascina Triulza, Cina, Azerbaigian, Israele, Albero della vita, Palazzo Italia.

Ci sono delle considerazioni di massima che si possono esprimere in termini generali:

  • tutte le strutture dei padiglioni e del sito in generale sono di indubbia qualità. Grande plauso quindi agli aspetti progettuali e architettonici dell’intera esibizione
  • sviluppare un messaggio completo e rivolto ad un pubblico di massa (tale è il target degli eventi EXPO nel mondo) non è cosa banale. Quindi ovvio che ci sia spesso l’impiego di video. Ma c’è video e video, alcuni sono bellissimi e comunque ci sono tante altre forme di comunicazione usate, alcune più emozionali altre più informative. Dipende, ma mi sono sembrate tutte di qualità e si vede dietro uno sforzo creativoDSCN1928
  • c’è molta pulizia in genere, e il personale (molto numeroso) mi è parso all’altezza. Le toilet esistono e sono pulite
  • in genere gli addetti sanno rispondere alle domande e rispondono gentilmente. Non so come sia la capacità di rispondere in Inglese perché ovviamente io mi rivolgevo in Italiano
  • il pubblico, in un lunedì di una settimana qualunque, era numeroso e sembrava soddisfatto. Pubblico over 40, pochi giovani, tanti adulti e anche anziani. Tutti mi parevano stupiti, rapiti e soddisfatti
  • i giovani arrivano per la movida serale, ingresso 19-23
  • la massima coda l’ho fatta al Palazzo Italia, circa 50 minuti e ne valeva la pena! Io ho però saltato il Brasile e il Giappone che avevano fama di avere code lunghe.
  • Mi pare che ci siano posti a sedere non solo legati alle zone ristoro.
  • Mi è parso che i ristoranti siano un po’ cari ma io non ci sono andata.
  • ho visto piccoli mezzi che le persone stanche o con problemi possono usare. Io non li ho provati ma mi sono sembrati facili da usare.

Ed ora qualche consiglio:

  1. NON ci sono gli assaggini! Non aspettiamoci  “che ci sia più cibo!” (ho sentito parecchi dire così). L’Expo è un evento culturale, che vuole dare impulso al progresso mondiale e contribuire allo sviluppo economico. Non è commerciale. Non è la Fiera dell’Artigianato, bolgia degli acquisti natalizi.
  2. Ai Ristoranti etnici mi pare abbia più senso andarci alla sera. Perché se ci si va durante il giorno rimane ancora meno tempo per visitare i Padiglioni.
  3. Molto meglio usare il Passante Ferroviario che l’ M1. In 15/20 minuti sono andata da Garibaldi a Rho, perché fa poche fermate. Linee S5, S6 e S14 (ma controllate).
  4. Io sono arrivata alle 10:30 e la coda all’ingresso era insignificante (5 min).
  5. Partire dal Padiglione Zero, bellissimo, emozionante e che introduce tutto il resto. Quindi da Ingresso Ovest/Triulza.
  6. Palazzo Italia e Padiglione Italia sono due cose diverse. Il Padiglione Italia è lungo il Cardo (non ci sono ancora andata) ha lo stesso scopo dell’EXPO e di tutti gli altri Padiglioni. Invece Palazzo Italia ha lo scopo di mostrare le eccellenze dell’Italia (immagino che lo si faccia per tutti i Paesi ospitanti). Bellissima la parte dedicata alla Potenza della Bellezza.
  7. Bambini: ci sono cose per i bambini quali la parata delle 16 e alcune zone carine dedicate a loro.  In generale anche alcuni Padiglioni possono andare bene per loro. Di quelli che ho visto io consiglierei: Padiglione Zero, Palazzo Italia, Azerbaigian, Israele,  ma anche gli altri possono andare bene. Io li porterei durante il giorno.
  8. Forget about lo spettacolo dell’ Albero della Vita con luce diurna. Immagino che con luce notturna sia bello, a detta di tanti.

 

About Carla

Carla
Mooolto milanese, quindi fanatica del lavoro. Ma anche di cinema, animali, viaggi lontano, e recentemente anche di escursioni (facili). Ho sempre lavorato nell’ICT, prima con competenza tecnologica e poi nel marketing e comunicazione. Ho fatto la manager per tanti anni. E adesso basta, voglio divertirmi e questo BLOG è una delle mie nuove passioni che mi danno soddisfazione e piacere. Ah dimenticavo: vivo con mio figlio e tre gatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.